Alaggio Spirit of Chemainus

0
354
views

Alaggio dello Spirit of Chemainus

Cari Lettori ,

e’ finalmente arrivato il giorno dell’ alaggio dello Spirit per fare carena e manutenzione.

Devo dire che temevo questo giorno e per un paio di mesi ero stato contento del ritardo di questa operazione , e mi concentravo volentieri nei lavori al motore e agli interni , che danno soddisfazione e non sono pericolosi o critici .

Qui si parlava di tirare fuori dall’ acqua una barca di legno d’epoca , che pare fosse stata alata almeno 5 o 6 anni prima e con un carrello e non con un travelift.

Vi erano diversi motivi di preoccupazione .

Da un lato , ovviamente, qualche cedimento del fasciame o delle ordinate interne .

Dall’ altro , scoprire la presenza di zone danneggiate e di tavole da sostituire , e quindi dover affrontare spese extra , impreviste e potenzialmente molto onerose .

Preoccupato per l’integrita’ della barca e per quella del portafoglio, mi sono accinto alle 7 di mattina a muovere la barca , per portarla nel pennello dove il Travelift del Cantiere Mirabello , si sarebbe occupato dell’ alaggio .

Una volta sistemata la barca dentro il pennello , il travelift e’ entrato in azione, con il supporto dei sub , a controllare che le fasce fossero ben piazzate e senza interferire con qualche punto cruciale del fondo della barca .

Povero Spirit !

Era stato aggredito da tutte le alghe del Golfo di La Spezia !

Ci sono volute alcune ore con l’ idropulitrice , per liberarlo e vedere alla fine il disegno della sua bellissima carena .

Ecco l’ operatore , il sr Ciccio , in azione

Solo dopo aver sistemato la barca sui tacchi , mi sono potuto finalmente rilassare e mi e’ venuto un sonno che mi ha obbligato a tornare a casa e mettermi a letto un paio d’ore a dimenticare lo stress di questa giornata , per noi storica

Da oggi si parte con i lavori di pitturazione allo scafo , con la carteggiatura e sostituzione degli zinchi ecc ecc ….

Ancora tanto lavoro , ma per ora ci vogliamo godere l’ ottima giornata !