Dubai

0
1818
views
Al Fajer Marine

Al Fajer Marine di Dubai

Nel mio passato da imprenditore, per due volte ho iniziato un rapporto di lavoro continuativo con aziende degli Emirati Arabi Uniti , e in particolare con 2 Sceicchi di Dubai .

Non sono certo persone facili da trattare . In seguito raccontero’ la seconda storia , ma per questo post, vi raccontero’ della join venture con Al Fajer , dello Sceicco Hasher Bin Maktour Al Maktoum .

L’azienda era formalmente nelle mani dello Sceicco , e gestita da una serie di agenti di vari paesi .

L’idea era di realizzare in Thailandia , presso il mio cantiere, una serie di grossi yacht , da rivendere negli Emirati , usando il nome dello Sceicco e la sua rete commerciale .

Negli Emirati non c’e’ petrolio e Dubai in particolare, vive di uno sviluppo un po’ artificiale , come investimenti immobiliari e centro affari internazionale .

Non avendo risorse vere , se non i datteri e poco altro , ha sofferto di alcune crisi e bolle immobiliari, anche molto importanti .

In Italia si era venuti a sapere delle auto abbandonate di chi aveva deciso di lasciare il Paese .

Gli Emirati sono un paese molto particolare , dove si entra e si vive grazie alle sponsorizzazioni di una personalita’ locale e dove lo straniero non ha in pratica alcun diritto ,anche se avesse comprato un immobile , non puo’ neppure essere certo di poter entrare nel Paese …..

La tendenza all’ arroganza di questi signori , non mi e’ mai andata giu’ . Ho un carattere forte e mi piego raramente e con grande difficolta’ …..il risultato e’ che non posso piu’ entrare a Dubai . Ma certo che non e’ un dramma o qualcosa che mi spinge a stracciarmi le vesti … ?

Questa foto del cantiere in Thailandia , il mio , con le barche di Al Fajer in costruzione , qualche rappresentante di Al Fajer , il nostro architetto , e alcuni del mio staff dell’ amministrazione e qualche operaio , che vedendo che c’era da fare una foto , non si e’ tirato indietro.

Dopo quasi 30 anni passati nella nautica , devo dire che ne ho viste di tutti i colori , ma la mia esperienza con gli arabi di Dubai , e’ comunque qualcosa di unico .

Mai mi era successo di sentire un tale cumulo di amenita’ da un’ unica fonte, in un breve periodo .

” Lo Sceicco ha firmato i disegni …..ma non per approvarli ”

Questo mi fu detto quando mi si contesto’ che la barca aveva il camminamento esterno troppo protetto e lo Sceicco ( di piccola statura ) non ci vedeva fuori ……io feci presente che avevo costruito come da disegni , firmati ed approvati dallo Sceicco…

Ci fu anche,memorabile, la questione sul colore della barca. Avevo inviato il faldone con tutti i colori per decidere la tinta. Aspetta e aspetta …niente .

Fino a che mi arrivano in ufficio gli agenti dello Sceicco , con finalmente la decisione sul colore della barca .

Tirarono fuori una piastrella , blu scura con lapislazzuli , di gusto molto opinabile .

Spiegai con pazienza – ero pero’ al limite- che era una pietra e non un colore .

Insistettero per 1 ora . Arrivai a minacciare di comprare un container di quelle piastrelle e di attaccarle sulla barca,all’ esterno , con la colla ….

Qui sopra il Sr. Khalifa . Ricordo che dichiaro’ in tribunale di non aver mai visto le barche ?

Chissa’ come fece a non vederle …..non erano tanto piccole !

D’altra parte, ormai che sono passati vari anni , e ho digerito la cosa , mi prendo anche alcune responsabilita’. Il buon giorno infatti, si vede dal mattino , e li si era visto che non prometteva nulla di buono .

Al primo approccio, a Dubai , dopo aver atteso lo Sceicco per 2 giorni consecutivi , ed essere stati rimbalzati da un ufficio all’ albergo , ad un altro ufficio, alla casa privata dello Sceicco , senza poter parlare di questo grosso contratto , e un po’ stressato , ero arrivato al punto di pensare di andarmene .

Mi si avvicino’ il segretario dello Sceicco , con alcune buste . Lo Sceicco si scusava per i ritardi e ci inviava a fare shopping . Nelle buste c’erano 2000 dollari cadauna . Beh ….. come si fa ad andarsene ? Sapevo pero’ che i problemi erano solo all’inizio !

Dopo una settimana di su e giu’ e dopo 3 incontri con lo Sceicco , a parlare di datteri , di falchi e a sentire storielle , anche interessanti ma io ero li per finalizzare il contratto , si arrivo’ alla firma del contratto per costruire questi superyachts , firmando sul cofano dell’ auto , davanti all’ aeroporto , mentre stavo ritornando in Thailandia . Pagarono solo quella volta e poi abbandonarono l’ intero progetto , come peraltro fanno spesso . Basta girare per Dubai e si vedono ovunque cimiteri di barche iniziate e mai completate .

Poi venne la crisi di Dubai . Lo Sceicco fu coinvolto in una serie di scandali su investimenti immobiliari , e delle barche non si parlo’ piu’ . Dopo gli strascichi legali , ovviamente e dopo alcuni tentativi vergognosi dei suoi agenti . Ne parleremo quando avro’ l’ ispirazione di vuotare il resto del sacco .

Chiudo con una storiella raccontatami dallo Sceicco Hasher

” Quando le carovane attraversano i villaggi , ci sono tutti i cammelli che portano le tende , le masserizie , le persone . Alcune sul cammello ed altre a piedi .

I cani escono ed abbaiano come matti .

I cammelli pero’ li ignorano . Continuano a camminare e neppure li guardano .

Ecco , caro Raoul . Nella vita devi fare come il cammello .

I cani abbaiano , il cammello va .

e i cani abbaiano , ma il cammello va ”

Buona giornata a tutti !