Il Caso Aracelis

0
1015
views

Il Caso Aracelis

Come promesso , quando ho scritto il post l’ ANELLO , continuo la trilogia con il caso Aracelis .

Spero vi piaccia e sia materiale per un momento di riflessione, come lo e’ stato per me .

Bando alle ciance , ecco la storia :

Seduto alla mia scrivania nell’ ufficio di Puerto Plata , in Repubblica Dominicana , qualcuno suono’ il campanello .

Non ricordo cosa stessi facendo ma dopo aver dato una rapida occhiata attraverso la veneziana della finestra , ed avendo intravisto una ragazza sui 20-25 anni , chiara di carnagione , di piccola taglia , ma graziosa e palesemente inoffensiva , mi precipitai ad aprire , prima che potesse cambiare idea .

” molto piacere , spero di non averla disturbata , mi chiamo Aracelis D. ”

” ma quale disturbo , entra pure …cioe’ entri pure , insomma , prego , e’ aperto ! ”

Rapidamente si ando’ delineando il motivo di quell’ improvvisa visita .

Banalmente , all’ apparenza , vendeva un prodotto per le pulizie .

Me lo descrisse con dovizia di particolari , che ancora ricordo . Profumo leggero , non fa schiuma , ideale se riceve sempre clienti , perche’ non e’ aggressivo e non occorre quasi sciacquare . Inoltre lo consegno a domicilio e cosi’ evita che la donna di servizio faccia la cresta durante la spesa !

Era un prodotto esclusivo , tedesco , che aveva solo lei . Potevo cercare ovunque e certamente non l’avrei trovato .

Insomma , mi intorto’ e ne comprai ben 4 bottiglie da un gallone l’una . Il prezzo era ragionevole e inferiore al Mistolin che di solito usavo .

Nell’ufficio mi entravano un sacco di muratori e gente di cantiere , e avevano gli scarponi inzaccherati , per cui in effetti , ne facevo un certo uso .

Se ne ando’ , lasciandomi con i bottiglioni e un piccolo rimpianto .

Dopo un mesetto riapparve e questa volta dopo l’ ordine dei soliti 4 bidoncini, ci si sposto’ al ristorante .

Ne valse la pena (non occorre pensare male…) , perche’ diventammo amici e mi racconto’ la sua storia .

Aveva litigato con i genitori che la volevano medico . Lei odiava le imposizioni. O forse non le piaceva la medicina , o chissa’ cosa fu . Insomma , scappo’ di casa .

Non aveva denaro e visse un anno con una amica , ospite .

Avendo del tempo libero , mise insieme la sua piccola operazione , chiaramente truffaldina . Ma forse a pensarci bene , era qualcosa di diverso.

In pratica comprava un po’ di banale prodotto per i pavimenti , lo allungava con l’acqua del rubinetto , imbottigliava e si faceva lei stessa le etichette dal tipografo locale .

Poi un amico di un’azienda che produceva tappi , le sigillava per dare la presentazione al prodotto , come si deve .

L’etichetta era in tedesco ….. me lo diceva ridendo , che i tedeschi hanno una ottima fama e lei non ci vedeva nulla di male nel utilizzarne il buon nome .

Erano anni che andava avanti cosi’ . E con un bel successo , oltretutto . Vendeva a centri commerciali e ristoranti , e vagheggiava di produrre davvero il suo prodotto , visto che si vendeva .

Si era comprata una bella macchina e un appartamento , in pochi annetti .

Mi racconto’ di varie altre operazioni del genere , sempre basate sullo stesso concetto . Fatturava con la sua bella ditta individuale , e scaricava il prodotto che comprava …..tutto legale , oltretutto .

Ma se ci fermiamo a riflettere , la cosa e’ molto interessante .

In effetti il prodotto ‘tedesco’ faceva meno schiuma del prodotto originale !

Per forza ….era annacquato con oltre il 50% di acqua dentro .

In effetti il prodotto faceva un odore molto tenue ….per lo stesso motivo .

Si poteva usare varie volte al giorno e non era un prodotto aggressivo o dall’odore forte e insistente ..sempre per lo stesso motivo .

Aracelis sostanzialmente aveva iniziato una bellissima campagna di marketing, evidenziando i punti buoni del suo prodotto , ed il cliente li accettava e faceva propri ….

Nel corso della nostra frequentazione , vidi addirittura clienti che continuavano a comprare il suo prodotto , anche sapendo che era semplicemente un Mistolin annacquato ! Un risultato notevole …..la gente non si curava del fatto banale che potevano annacquare direttamente loro il Mistolin !

I punti che avevano percepito erano indubbiamente veri : il prodotto nuovo costava meno , al bottiglione . Non faceva un sacco di sapone , quando arrivava il cliente . Il profumo era leggero ….. Non si poteva trovare di certo nel solito supermercato ….

tutto il resto era secondario .

Questo e’ in effetti il marketing di successo .

Vi pare assurdo ?

Ma quanti di voi sanno che un panino al McDonald e’ caro , cattivo e che comprando pane e prosciutto si mangia meglio e si spende meno , pero’ …continuano ad andarci . Non e’ simile la cosa ?

Il senso di questo post e’ invitare a ragionare di quanto la presentazione influisca . E di come il nostro cervello sia in effetti facile da ingannare e come addirittura , ami essere ingannato .

La presentazione …e’ tutto .

Grandi registi ce lo hanno insegnato . Disegnando un personaggio che in pratica non e’ mai esistito , se non nell’immaginario .

Una volta a Genova , conobbi ad una cena con amici , la famosa Debora Caprioglio , icona sexi degli anni 90 , dei film di Tinto Brass .

Che delusione …non era nulla di speciale ….era un tappo . Anonima … neppure da girarsi a guardarla .
Ma la presentazione nei film …l’aveva resa famosa .

La mia cara Aracelis D. , aveva capito come interpretare il mondo , e considerando la sua giovanissima eta’ , si e’ guadagnata un posto di onore nel mio album dei ricordi .

Ad Maiora Aracelis !