Lo Spread ed altri mostri sacri

0
642
views

Lo Spread ed altri mostri sacri

Ho cercato per qualche settimana di evitare di entrare in argomento , visto che le tensioni di questi giorni con il nuovo governo in fase di costruzione , mi sembravano molto alte e non e’ facile per nessuno , mantenere un’obbiettività ed evitare le polemiche .

Noto pero’ che vi e’ un mare di disinformazione che circola .

Ho sentito i complottisti che vedono dietro ogni numero , una congiura dei banchieri , degli americani , o del Bilderberg . Ho sentito chi parla di fregarsene dello Spread .

Cerchero’ quindi di fare un po’ di luce .

Lo Spread e’ il differenziale tra il tasso di interesse pagato dallo Stato italiano sul BTP e quello pagato dallo Stato tedesco sul Bund , che e’ l’equivalente del BTP .

Viene misurato in centesimi di punto . Per cui lo Spread a 200 , significa 2 % di differenza tra in Bund e il BTP . Quando l’ interesse pagato sul Bund e’ l’ 1% e sul BTP e’ il 3% , si dice che lo Spread e’ a 200 . Per semplificare .

L’Italia ha una storia di debito pubblico e di interessi altissimi sui Titoli di Stato . Questo e’ successo negli ultimi anni (grafico qui sotto ) .

Si vede chiaramente il picco durante la crisi che porto’ alla fine del Governo Berlusconi e all’ arrivo del Governo Monti .

Nel passato , per chi ha la mia eta’ , vi erano tassi di interesse a due cifre . Era molto difficile da gestire , il sistema economico e le crisi erano frequenti .

Con l’entrata dell’ Italia nell’ Eurozona , si decise di cambiare sistema e provvedere a comprare i titoli di Stato italiani , tramite la Banca Centrale Europea, (invece che metterli all’ asta in Italia ), che acquistava a tassi di interesse bassissimi.

L’Italia , con buona pace di chi vomita insulti contro l’ Europa tutto il tempo ,si e’ giovata di tanti anni in cui i BTP sono stati acquistati dalla BCE a interessi anche inferiori all ‘ 1% .

Ovviamente i Titoli di Stato sono in negoziazione sul mercato , e vengono costantemente venduti e comprati . La Borsa monitora giornalmente tali scambi .

Esistono anche i BTP Italia , indicizzati con l’ inflazione , che non vengono venduti all’ Asta pubblica ma si possono comprare online con un normale computer ed una piattaforma per il trading .

L’Italia ha una storia di debito pubblico molto importante . Al momento siamo a oltre 2,312 miliardi di euro .

Per chi volesse vedere i dati in tempo reale, suggerisco Italia Ora .

Qui sotto , il grafico con la storia dello Spread

Ora , perche’ lo Spread e’ CRUCIALE per il nostro Paese ?

Perche’ una differenza di 2 punti , quindi spread a 200 , significa 46 miliardi di spesa per interessi all’ anno in piu’ .

Per capirci , su cifre del genere, si parla di 766 euro per persona , compresi bambini e neonati , e consideriamo che una finanziaria vale circa 30 miliardi …..quindi siamo oltre del 50% del valore di una manovra finanziaria (che ora si chiama Legge di Stabilita’) .

Inoltre , siccome lo Spread in pratica significa quanto costa allo Stato accedere al credito , questo numero di riversa in tempo reale sulle banche , che accedono anche loro ad una raccolta piu’ cara , e quindi , gia’ lo si dovrebbe sapere , il credito al consumatore finale risultera’ piu’ caro , e ovviamente, tutti i servizi .

Quindi , vi e’ ben poco da ridere,perche’ lo Spread alto , significa aumento dei costi del denaro per tutti.

Il Governo Berlusconi fu obbligato a dimettersi perche’ il Paese stava fallendo per via dello Spread a 500 e oltre .

Chi pensa che fosse un complotto , deve invece rassegnarsi . Lo Spread cosi’ elevato rende impossibile all’ Italia pagare gli interessi sul debito pubblico e diventa obbligatorio congelarlo .

Soltanto che facendo cosi’ -congelando il debito – , si scatena la speculazione e la fuga dei capitali , con collassi bancari e crollo dell’ intero Stato Sociale .

In questi giorni ho assistito a una serie di dichiarazioni deliranti da parte di chi sta formando il governo del Cambiamento . Non si rendono conto che non sono al bar a parlare di fronte ad un prosecco e alle patatine , ma sono di fronte ad una platea internazionale che pensa ai propri investimenti ed ai propri risparmi .

Un amico mi dice che preferirebbe il ritorno alla Lira per una politica monetaria espansiva , in stile monetarista di Friedman ( vedremo in seguito – in un altro post- di cosa si parla ) .

Ma in effetti , visto che il Governatore della BCE , il Sr Draghi , ha inventato il Quantitative Easing , e sta acquistando ancora oggi , BTP italiani , e viene permesso un deficit del 3% , noi SIAMO in una politica monetaria MOLTO espansiva ! Non si potrebbe certo fare di piu’ con la lira .

L’austerity e’ passata da anni . L’Europa e’ in politica monetaria fortemente espansiva da molti trimestri ormai .

Veniamo a dire una cosa del deficit :

Questo e’ semplicemente la differenza tra quanto lo Stato incassa e quanto lo Stato spende .

In Italia si calcola l’ incasso TEORICO dello Stato ….che e’ sempre meno di quello reale . La differenza viene finanziata in debito .

In Italia , nonostante un calo degli investimenti pubblici del 13% , il debito pubblico continua ad aumentare . Questo e’ dovuto al mancato introito dello Stato , che viene quindi finanziato in debito .

L’equivalente di un privato che fa i conti con dei soldi che doveva prendere e che non ha poi preso , per cui per affrontare le sue spese giornaliere , se li deve far prestare .

Dicevamo del deficit . In Italia si segue un accordo europeo che limita il deficit al 3% . Essendo finanziato in debito , significa che il 3% all’ anno del bilancio , entra nell’economia e dovrebbe esserci in giro molta liquidita’ .

Siccome invece , lo si vede a vista d’occhio ,non ve ne e’ , occorre chiedersi dove sia finita questa liquidita’ .

Ma per oggi basta . Ne parleremo in seguito .

Chiudo dicendo che lo Spread non e’ per nulla uno scherzo o un qualcosa che non esiste o una invenzione dei banchieri .

Lo spread per un Paese come l’ Italia , che si e’ ridotto a dover gestire un debito pubblico pauroso , e’ il numero piu’ importante da controllare tutti i giorni , e sperare che non si alzi oltre il 100 .