Mulini a vento a Rotterdam

0
408
views

Rotterdam e i mulini a vento

Un amico mi ha fatto notare oggi , che in Italia si deve lottare tutto il tempo contro i mulini a vento , come Don Chisciotte ; mentre in Olanda , dove i mulini a vento li hanno inventati , le cose sembrano filare via lisce e non occorre il classico ” mi manda Picone” , per ottenere cio’ che si cerca .

in linea con le mie esperienze precedenti , ho contattato timorosamente la marina di Veerhaven , di Rotterdam , per sapere qualche preventivo e vedere se per caso si puo’ trovare un ormeggio .

Ero riluttante , perche’ la prassi italiana consolidata prevede di far chiamare prima ad un amico , normalmente nativo del posto , che prepari il responsabile all’ arrivo della richiesta telefonica o telematica .

In Olanda le cose non vanno cosi’ . E’ accertato .

Mi hanno risposto di guardare sul sito della Marina . I prezzi e le condizioni sono tutte messe in chiaro , e cosi’ pure i posti disponibili e si procede al booking direttamente .

Scandalosamente funzionale …se mi permettete il neologismo .

Se un italiano passa la maggior parte della sua vita in mezzo alla burocrazia ed al Sistema Italia , al momento di trasferirsi in un Paese come l’ Olanda , puo’ essere shoccato e andare in crisi di valori . Le amicizie importanti non servono a nulla . Banalmente si va sul sito e si procede …..una cosa sconcertante .

Dopo decenni passati a curare la caposala dell’ ospedale , perche’ nel caso servisse essere ricoverati , lei e’ la persona chiave …..

dopo una vita a coltivare amicizie importanti , relazioni , a cercare e a fare favori , ad aggirare gli ostacoli , a lottare con le code , con la burocrazia , con i moduli , con il commercialista , con il dipartimento , con il catasto , con l’anagrafe , con l’ufficio tecnico …..

scoprire che in realta’ , non serve conoscere nessuno e che basta andare sul sito ……

c’e’ da rischiare la salute mentale .

Dovrebbero essere istituite delle comunita’ di recupero per italiani che desiderino lasciare l’ Italia e dirigersi verso un Paese , banalmente normale . Per evitare che lo stress dell’ incontro con il sistema che funziona possa causare un danno grave all’ equilibrio mentale dell’ italiano , abituato da secoli al disservizio .

Deve essere strano , votare per qualcuno senza aspettarsi nulla in cambio . Conoscere un politico , senza pensare a chiedergli un favore . E’ quasi difficile da immaginare .

Mi chiedo che senso abbiano i movimenti che invitano l’ Italia a lasciare l’ Unione Europea .

Ma noi , ci siamo mai entrati ? Mah …forse su qualche pezzo di carta risultera’ anche , ma nella realta’ non sembrerebbe lo stesso continente .

Vi lascio con una galleria di foto , realizzate dalla mia compagna Pui , che riassumono senza bisogno di commenti , la nostra giornata a Rotterdam .

Buona serata e buona lotta con i mulini a vento dell’ Italia !