Un’idea Ecologica il BioDiesel

0
325
views

Un’idea Ecologica , il BioDiesel

Senza essere un ecologista della prima ora , o un fanatico che sobbalza al solo nominare un motore diesel , sono chiaramente un amante della natura , del mare e dell’ ambiente in genere .

Chi puo’ accettare di vedere le bellezze naturali rovinate , anche sapendo che Madre Natura provvedera’ a sistemare tutto , in un mese , un anno o 100 anni ….

Quando si naviga e si vive a bordo per un certo periodo , vi e’ il problema della spazzatura che si produce e che non si sa bene dove mettere .

Non vi sono soluzioni meravigliose e semplici , pero’ vi spiego qui il mio trucchetto per gli olii della cucina .

 

Mentre e’ normale buttare in mare i resti del pane , del cibo , che sono un alimento organico per il mare e faranno felici i suoi abitanti per un pranzo , mi ha sempre disturbato il problema di cosa fare dell’ olio della cucina .

E’ vero che non amo molto il fritto , pero’ sempre capita di avere qualche resto di olio in fondo alla padella , e buttarlo giu’ nel lavandino , non e’ accettabile . Non si mescola con l’ acqua e pur essendo un prodotto naturale , non va disperso in un modo cosi’ diretto .

Nel corso del tempo , ho trovato una soluzione molto interessante .

Ho due tanichette trasparenti di plastica . Di quelle con un rubinettino sul fondo .

Nella prima ci stanno circa 3 litri di liquido . Ci metto dentro un litro di gasolio

L’ olio di cucina , che sia di oliva , di semi , o di arachidi , gia’ utilizzato , lo recupero , passandolo per un filtrino che la tanica ha gia’ montato sull’ entrata , e che e’ simile a quei filtrini per il te’ .

Uso un imbuto e vado pian piano riempiendo questa tanichetta , un paio di cucchiai alla volta . Ci va un certo tempo per me, perche’ non friggo molto e non amo molto l’ olio . Ma so di altri , che riempirebbero la tanichetta in 2 settimane .

Nel corso delle settimane , l’ olio si divide dall’ acqua che conteneva e siccome l’ acqua e’ piu’ pesante , si deposita sul fondo . A quel punto , quando vedo la separazione avvenuta , prendo la tanica con cautela , senza agitarla , e apro il rubinetto sul fondo , rimuovendo l’ acqua .

Di solito bastano 15 gg perche’ avvenga questa separazione .

Dopo la prima eliminazione dell’ acqua , si puo’ essere ragionevolmente certi che non ci sia altra acqua , in quantita’ significative , dentro l ‘olio .

A quel punto , quando la prima tanica e’ piena o quasi , uso lo stesso imbuto ed un filtro da 5 micron , in panno poliestere , facilmente reperibile in ogni ricambista per auto o camion .

A quel punto , ho un carburante ottimo e lo verso direttamente nel serbatoio . Non mi dara’ alcun problema e per giunta non e’ costato nulla .

In effetti , originalmente , il motore diesel era stato progettato per funzionare con olio di arachidi !

Raccomando questo sistema , pratico , senza costi , e a inquinamento zero .