Un Tiki e Molte Polemiche

0
900
views

Un Tiki e molte polemiche

La nautica e’ un mare dove nuotano pesci piccoli e grossi , e anche pesci d’epoca, che nel corso di una vita dedicata a qualche progetto , si sono guadagnati la qualifica di Guru .

Uno dei miei miti giovanili , fu James Wharram . Ideatore dei catamarani etnici, chiamati TIKI .

Il giorno che mi venne chiesto di costruirne uno, fu l’inizio di molte polemiche.

Il cliente era un australiano e voleva per forza un Tiki , ma lo voleva diverso dal progetto . La barca era stata progettata per essere costruita in compensato marino . Ma il mio cantiere non utilizzava quel materiale , che permette solo una costruzione a spigolo . Essendo amante delle linee tonde , da tanti anni preferivo altre tecniche di costruzione .

( Sr. Drummond, prenda nota : noi non abbiamo mai usato il plywood-compensato . Scusate , e’ una nota interna )

Insomma il progetto originale del Guru era questo :

Bello … ma mi venne richiesto di ridisegnare lo scafo , e costruirlo in cedro a lamelle e resine epossidiche , e rivestire lo scafo in vetroresina . Una tecnica che mi permise di costruire una barca molto leggera e veloce .

Ecco lo scafo modificato da me

Ed ecco la barca in costruzione

L’ amico australiano era un po’ sovrappeso e sinceramente non mi pareva la barca per lui . La costruzione fu lunghissima , tra mille ripensamenti e rifacimenti . Una specie di via crucis per tutti noi .

Alla fine il cliente-amico australiano non la ritiro’ neppure e la vendemmo a un altro , dopo circa un anno .

Il prodotto finale era molto interessante , invece . E vale la pena di ricordarlo . Eccolo al varo :

La barca era un piacere da portare a vela , e sinceramente era molto meglio del TIKI originale ….. ( non si dovrebbe dire , ma oggi non mi sento politically correct ! )

perfetto sul galleggiamento a pieno carico . Sfido chiunque a trovare un altro TIKI con la linea di galleggiamento cosi’ precisa e perfetta ….non ve ne sono

Ci si fecero un po’ di charter , per pagare le spese , e imparai ad apprezzare il progetto .
Nel frattempo che apprezzavo questo disegno , il Guru si arrabbio’ di brutto con il sottoscritto . Avevo modificato con photoshop una delle Tavole della Legge e mi ero coperto di un peccato terribile ….Il Tiki non era una barca …ma era una religione !

Fui esposto al pubblico ludibrio , giustamente , per essere stato avido ed aver accettato le richieste di un cliente , ed aver ceduto a modificare l’ immodificabile . A poco valsero le mie rimostranze . Ero un apostata . Ero un reietto , un infedele , un kafir della nautica !

E cosi’ rimasi . Dopo averne costruito un altro , cancellai il progetto , ma ormai non vi era piu’ modo di far cambiare idea al Guru ottuagenario , colpito in quello in cui credeva . Disegnava a matita , 3 barche in 20 anni ….poi arrivo’ un giovinastro che con il computer si permetteva di modificare e rivoluzionare il progetto ….. era come mettere il Crocefisso capovolto .

Sono cose che non si fanno e basta .

Gli interni erano semplici ma simpatici , e ve li faccio vedere , per finire

Ogni post ha una sua morale , permettendo il lettore , con la sua infinita pazienza , e questo non fa eccezione .

“Il Guru va lasciato in pace” .

“Le modifiche apprezzate , sono solo postume” .

Un abbraccio a tutti ?