Vi presento la mia famiglia

0
355
views

La mia famiglia

Ogni nostra operazione/impresa e’ sempre il risultato di un compromesso .

Cosi’ e’ stato anche nel mio caso .

Per molti anni mi ero immaginato di poter andare nei Caraibi in barca a vela , con la mia famiglia con me . Immaginavo di visitare le belle isole , e di crescere i bimbi , belli ed abbronzati , sulla barca . Magari fermandomi qua e la , un anno su un isola e un anno su un altra , dove , come per miracolo , i bimbi potessero continuare la loro istruzione , arricchendosi di lingue diverse e socializzando e sviluppandosi .

Pero’ , come tutti i sogni , mi sono dovuto scontrare con la realta’ . Non sono cose semplici .

I bimbi hanno diritto ad una vita stabile , che permetta loro di crescere con una lingua imparata bene e che sia la loro in modo definitivo ….

Alice e Anatholy

Alice , che avra’ 11 anni ad Aprile 2018 , e’ nata in Thailandia e si e’ spostata in Italia a marzo 2016 . Non parlava italiano , se non pochissimo . Solo Thai e inglese.

Si e’ impegnata moltissimo e ha imparato la lingua e ora frequenta la 4a elementare a Lido di Camaiore ( Lucca) . Ha perso un anno nel passaggio , ma e’ talmente in gamba che potrebbe farcela a recuperarlo , cosi’ mi dicono , durante le Medie.

Il piccolo Anatholy ha 4 mesi . E’ nato a Lido di Camaiore.

La mia compagna si chiama Pui , e’ Thailandese ( in attesa di passaporto italiano ).

Data la situazione , con mio papa’ anziano e non in condizione di viaggiare , ho trovato un compromesso . Ho rinunciato per ora all’ idea di averli tutti in barca a tempo pieno ….sarebbe troppo per i bimbi e anche per la mia compagna .

Li ho a bordo a tratti , durante l ‘estate e durante le festivita’ , piu’ qualche periodo ‘rubato’ alla scuola .

Ci sono piu’ viaggi aerei da fare , ma per ora , in Europa , non e’ un problema , dati i costi irrisori della Ryanair . In un paio d’ ore al massimo , attraversano l’ Europa e mi raggiungono senza problemi .

Ho fatto buon viso a questa situazione , e ho deciso di affrontare la rotta del nord , che con la famiglia non avrei sicuramente scelto , e avrei continuato per le Canarie e poi i caraibi .

Ho invece scelto di risalire il Portogallo , la Manica , passare l estate tra Danimarca e Norvegia , poi le Faroe in settembre ottobre , poi l Islanda , e poi nel 2019 la Groenlandia , Canada e poi si vedra’ . Una rotta molto impegnativa che mettera’ a dura prova la barca ed il suo ridotto equipaggio ( io sono l’ unico fisso), ma anche una rotta molto affascinante .
Ne parlero’ spesso.

 

Pui e Anatholy

Tornando alla famiglia :

Alice mi sta dando grandissime soddisfazioni , e gia’ in grado di tenere una rotta e fare qualche regolazione alle vele . Noto in lei ottime attitudini e un grande amore per il mare e per la natura . E molto socievole e non si preoccupa minimamente a cambiare paese o amici . E’ davvero molto estroversa . Sogna di fare la cantante o la ballerina. Carriere che io non conosco e mi lasciano un po’ dubbioso , ma comunque il tempo davanti e’ tanto e le possibilita’ per cambiare idea , tante .

Il piccolo Anatholy , ( il suo nome in onore di Anatholy Karpov , uno dei piu’ grandi scacchisti di tutti i tempi , e mio idolo personale ) , non sa stare al timone , ma di certo ha doti di comando ! Quando si mette a gridare ,scattiamo tutti sull’ attenti !

 

Nella mia vita ho avuto diverse compagne , e ho avuto la fortuna di trovare Pui . Una persona straordinaria che capisce e sostiene i miei progetti , anche quando significano stare spesso lontani. La ringraziero’ spesso e inizio ora . Senza di lei non sarebbe possibile questo viaggio e mille altre cose .